italianoenglish
LE TUE VACANZE NEL CILENTO
Approfitta subito dell'opportunità di concederti una vacanza rilassante!
16 giugno 2009
E' ON LINE IL NOSTRO NUOVO SITO
Casale Buon riparo, inaugura la sua attività e arriva on line con il sito web
15 giugno 2009
   
   

Cosa fare e cosa vedere nel Cilento

Il Cilento è una vasta area a sud di Salerno che abbraccia un ampio territorio che va dagli Appennini al Mar Tirreno e quasi completamente compreso entro i confini del Parco Nazionale.

Una terra ricca di storia e ricca di meraviglie naturalistiche. Numerose testimonianze di un passato florido si fondono con paesaggi marini o di montagna di bellezza impareggiabile.

Ecco cosa ti suggeriamo di visitare:

PARCO ARCHEOLOGICO DI VELIA
Velia, città della Magna Grecia, fu fondata dai Focesi provenienti da Alalia (Corsica) dopo che furono sconfitti (540 a. C.) dalle flotte degli Etruschi e dei Cartaginesi. Acquistò importanza dopo la distruzione di Sibari (colonia greca sul golfo ionico) e ospitò i filosofi Parmenide e Zenone (il primo fondò a Velia la scuola filosofica che fu detta Eleatica). La città combatté con la vicina Posidonia, con i Lucani e nel 389 a. C. entrò a far parte della Lega Italiota. Fornì poi aiuti a Roma contro Annibale. Dopo la guerra sociale Velia fu municipio. Venne distrutta dai Saraceni fra l’VIII e il IX secolo d. C. Nel medioevo la parte bassa della città fu abbandonata, mentre restò abitata l’acropoli.

Distanza dalla struttura: 12,3 km

AREA ARCHEOLOGICA DI PAESTUM
Paestum, l’antica Posidonia, fu fondata secondo Strabone dagli Achei di Sibari nel VI secolo a. C. come centro commerciale. Le conoscenze relative alla città per i secoli VI e V derivano dallo studio dei monumenti. Alla metà del V secolo Posidonia fu di aiuto agli abitanti di Sibari nella ricostruzione della loro città distrutta da Crotone. Successivamente essa stessa cadde per mano dei Lucani. Durante il IV secolo la colonia visse una fase di espansione demografica; tra il 335 e il 331 fu conquistata dal greco Alessandro il Molosso, ma presto tornò in potere dei Lucani. Nel 273 a. C. vi fu dedotta la colonia latina di Paestum e durante la guerra annibalica, come città federata, aiutò Roma. Paestum fu abitata fino all’alto medioevo e abbandonata nell’VIII secolo d. C. a causa delle incursioni saracene e dell’estendersi delle paludi.

Distanza dalla struttura: 25,4 km
 
GROTTE DI CASTELCIVITA
La grotta è un susseguirsi di gallerie, saloni, strettoie e pozzi, che si rincorrono, si sovrappongono, sprofondano in salti e paurosi baratri dove l´orrido e il fantastico si alternano in un arcobaleno di colori, dando vita particolari unici nel loro genere: limoni, il viso di un cherubino, i grappoli d'uva, il grande presepe e la Pagoda

Distanza dalla struttura: 37,5 km

Dalla primavera all'autunno, il personale dell'Hotel Ristorante "La Macchia" può organizzare giornate dedicate al trekking sulle colline del Cilento, alla scoperta delle zone più interne, con possibilità di pasti al sacco per gli ospiti della struttura.

Chiudi foto